Giulio Einaudi, l'editore ideale